CASO PLAYGROUND, CONTI AL VETRIOLO: “SENZA L’AIUTO DEL COMUNE IL FORIO BASKET SAREBBE GIÀ FALLITO”

Playground Forio

foto di Mario Goffredo

FORIO – Nell’era di Facebook e dei social network, non è raro che dei veri e propri polveroni mediatici si sollevino mediante l’ausilio di una semplice quanto apparentemente innocua tastiera. Sulla scia di questa vera e propria battaglia social stamane Vito Iacono, consigliere di minoranza del comune turrito e presidente del Forio Basket, in merito alla questione del campetto playground da concedere ai ragazzi, ha scritto a caratteri cubitali: “campetto playground potrei dire giustizia è fatta, ma mi astengo da ogni valutazione che farò con calma nei prossimi giorni andando oltre il luogo comune ‘basta che i ragazzi giocano’. Ed allora da oggi pomeriggio i ragazzi giocano, senza dover scavalcare. buon divertimento!!!.”

Non si è lasciata attendere la risposta della dottoressa Maria Chiara Conti, consigliere della giunta Del Deo e preside del plesso “Santa Caterina da Siena”, dove è ubicato il campo playground: “Carissimo Vito puoi anche parlare adesso ….i ragazzi che si sono atti promotori della richiesta presentatami in qualità di preside della Scuola hanno tenuto a precisare che nulla hanno a che fare con te …gli undici ragazzi firmatari hanno sottolineato di non appartenere al Forio basket ma di essere semplici cittadini con la voglia di giocare. Potevi concedere loro l’utilizzo del Palazzetto dello sport in qualità di “Presidente” visto che sul tuo sito sostieni che sia di vostra proprietà…Tra l’altro – sottolinea la direttrice – il Comune te lo fa utilizzare a titolo completamente gratuito solo perché sa che altrimenti la Società di cui sei il Presidente fallirebbe…Detta Società fondata nel 1977 grazie al grande Presidente ha visto il ritiro di tutti i soci fondatori. Dovresti sapere che la scrivente – aggiunge il consigliere – da professionista seria non si vendica, nonostante tutto quanto vi ha concesso non ha mai ricevuto un minimo di ringraziamento. Il ringraziamento lo ottengo da quei genitori che da 24 anni trovano le scuole per i loro figli perfettamente pulite, in ordine e funzionanti e questo non per pochi ragazzi…molti comuni non hanno il Palazzetto dello sport e i pochi spiccioli dati per la “guardiania” sono niente paragonati alle bollette di energia elettrica (circa 80.000 €) che il Comune paga per i campi sportivi e il Palazzetto. Del resto – conclude la Conti – non è il Forio basket che oggi ha ottenuto il campetto ma alcuni ragazzi seri e civili…”

I commenti sono chiusi.